FANDOM


...Sono Zardonio Belmore, originario delle lontane lande desertiche del sud, figlio di mastro berguson, mercante di armature e insegnante di spada alla corte del ducato di xerxeres, fui sempre demigrato dai miei concicttadini per il mio aspetto: capelli rossi scarlatto, carnagione chiara e prestanza fisica oltre modo imponente rispetto ai più piccoli e tracagnotti residenti del deserto; avevo il tipico aspetto dei mercanti del nord che giungevano in città attraverso il grande fiume Noli che si ricollegava con il grande mare. l'unico uomo che amai davvero era mio padre adottivo che purtroppo persi quando aveva solo 10 anni.

una notte una grande esplosione interruppe il mio sonno e guardando dalla finestra di casa notai che le fiamme divampavano dalle mura cittadine, mio padre che era assai anziano e saggio aveva compreso la gravità del fatto, un attentatore al ducato aveva creato una breccia e presto i terribili mostri che di notte abitavano le lande si sarebbero riversati in città senza  che l'esercito potesse fare nulla per fermarli. la nostra fuga per le strade della città durò tutta notte cercando di sfuggire dai mostri e dai complici dell'attentatore che provvedevano a uccidere tutti i cittadini che cercavano la fuga, proseguii nella fuga grazie al sacrificio di mio padre che dopo avermi chiuso in una botte mi spinse nel fiume e tenne impegnate le millizie nemiche per la mia fuga. 

vagai per 2 anni nelle terre selvaggie sfamandomi di ciò che trovavo e rubando alle carovane di mercanti che bivaccavano lungo le starde maestre fino a quando un giorno fui colto sul fatto, l'uomo era armato di una corazza lucente che rifletteva la luce delle stelle e portava le insegne di una città, lo stemma era un aquila a due teste, l'uomo mi portò di fronte a suoi compagni alla luce di un fuoco scoppiettante e mi legò ad un palo, mi parlarono tutta notte ricavando con astuzia informazioni sul mio passato e lasciandomi in vita senza prendere alcun provvedimento nonbostante il tentato furto. 

il mattino seguente il cavaliere si presentò a me come cedric vestfold, mercante della città di origine barbarica di aeglir, mi chiese se volevo seguirlo e se volevo tornare alla civiltà dopo la permanenza di 2 anni nelle lande, scelsi di seguirlo nonostante non mi fidassi ancora di quei uomini che mi avevano sfamato.

giunto ad aeglir fui accolto dal conte rickon grainward e da altri membri di questa casata, un ignegnere soprannominato boltz per i suoi esperimenti con la pietra rossa e un fabbro di incredibile abilità chiamato fiammabianca, questi mi preserò sotto la loro ala protettrice dandomi una casa, cibo e un istruzione di livello nobiliare, divenni presto zardonio belmore figlio adottivo della casata grainward; raggiunta l'età della leva entrai nel sistema dei supporti e delle ricerche per l'esercito reale poichè grazie alla mia scolarizzazione riuscii a divenire uno dei migliori alchimisti della città. 

lavorai a progetti di architettura abbastanza importanti nella città come il grande mercato reale e la tomba di jules grainward il capostipite della casata e nei miei periodi liberi dal lavoro o dalle spedizioni diedi molto alla città.

una notte di incredibile bellezza durante un turno di guardia sulle torri esterne della città fui contattato dalla dea sithis e fui portato alla gilda degli assassini e marchiato con la runa dell'oscurità, entrato ritrovai l'antica sede interrata del nord, eredità di mastrosso belmore mio antenato, li scoprii il mio passato, uno degli obbiettivi della mia vita e tornai a comandare la gilda degli assassini.

portai la gilda ai massimi splendori e portai ricchezza e disgrazie per le città del cubic world ma ciò probabilmente collise troppo con gli interessi dei più potenti e presto vennero a sapere chi stava a capo di tutto ciò, fui accusato di alto tradimento alla corona reale di aeglir poichè organizzavo di partire per evitare di creare problemi e fui cacciato dalla città.

la stessa notte dopo essermi rifugiato con alcuni dei miei più fidati compagni nella sala principale della sede della gilda fummo attaccati dagli uomini dell'esercitò di aeglir, vidi i miei concittadini combattere con i miei compagni di avventure guidati dal conte edgard grainward, colui che per me fu un padre, diedero fuoco alla gilda uccisero quasi tutti e dispersero i sopprovissuti in mezzi ai mostri delle lande; uno degli ultimi rimasti fui io che fianco a fianco ad axelius provenicci provammo sfiniti a combattere il conte edgrad, reduce di mille battaglie, fummo messi all'angolo ma venimmo risparmiati da rickon che mi guardò fisso negli occhi mentre una lacrima gli striava il volto coperto di sagnue e ci disse che come noi avevamo voltato le spalle ai valori di giustizia e di libertà e ancora più grave alla corona reale di aeglir lui voltava le sue di spalle e ci abbandonava al nostro destino poichè non voleva sporcarsi le mani col sangue di feccia e poi mentre se ne andava aggiunse col sangue di un figlio di aeglir.

eravamo rimasti in meno di 10 nelle lande, scorraggiati, demoralizzati, demotivati e allo sbando.

riorganizzate le poche forze rimaste partimmo alla ricerca del tempio di icarus, antitesi di sithis, dea della natura e della vita dove si narrava esistesse una sede della gilda degli assassini ancora attiva ma isolata dal mondo, vagammo a lungo ma non trovammo mai questo posto leggendario nonostante fosse risaputo che uomini l'avevano costruito e avevano vissuto li.

giungemmo la fine del pellegrinaggio entrando in una città abbastanza disastrata, aveva bisogno di uomini, di costruzioni, di lavoro...

entrammo e iniziammo ad aiutare ma i governanti mi sembrarono sempre inetti e poco adatti al ruolo di governo che possedevano, cercai durante un periodo di profonda crisi della città di tirare fuori nuove idee per farla risorgere ma fui bollato come rivoluzionario e traditore, fui cacciato senza una parola e abbandonato anche dai miei compagni.

partii alla ricerca dell'unico luogo rimasto che potevo considerare ancora come una casa, una vecchia torre di guardia, logora appartenuta ad axellius poichè eredità della sua famiglia siccome faceva parte di un piccolo castello. la trovammo ma era completamente diroccata.

vivemmo un anno nella torre costruendo un ala dove vivere, un piccolo rifugio  e un sentiero che collegava alla strada maestra.

un mattino incontrammo un nano, sporco e stanco, svenne sull'uscio della locanda che stavamo costruendo per guadagnare da vivere visto il numero di passanti che transitavano da quel punto, nei suo bagagli trovammo tesori inestimabili di fattura nanica che non toccammo nonostante l'ospite fosse svenuto e facilmente derubabile ed eliminabile, al suo risveglio si ritrovò in una delle camere del nostro ostello e così entrammo in affari perchè capì che si pooteva fidare al contrario dei suoi compagni di avventura ad hammerlost che l'avevano imbrogliato.

il nano si chiamava Adohand Wyrmsbane e insieme a lui che mise i capitali fondammo la distilleria rovo nero, la locanda più rinomata e bella di tutto l'est.

presto entrammo in contatto con un rifugio eremiticio che cercava alleati e forze per fronteggiare le grandi potenze del mondo che si proponevano di schiacciarli, qui conoscei jennifer una ragazza molto dolce ma non ingenua; ebbi dsa subito ottimi rapporti con il rifugio in quanto li rifornivo di cibo sfruttando le eccedenze del raccolto. 

dopo non molto tempo diventai parte integrante del loro gruppo e iniziai a lavorare spalla a spalla per la nostra libertà di eremiti.

ed ora eccomi qui vecchio e stanco alla veneranda età di 89 anni che scrivo le mie memorie per trasmettere un messagfgio prendendo di esempio la mia stessa vita per far capire che c'è tanta gente infelice che non prende l'iniziativa di mutare la propria situazione perché è condizionata dalla sicurezza e dal conformismo, cose che sembrano assicurare la pace dello spirito, ma in realtà per l'animo avventuroso di un uomo non esiste nulla di più devastante di un futuro certo.


                                                                                                            -Diario della vita di Zardonio Belmore-

LINK STORIA GILDA DEGLI ASSASSINI

http://www.lostinacubicworld.com/forum/viewtopic.php?f=33&t=1541

STORIA DI ADOHAND WYRMSBANE (il mio secondo personaggio gdr)

l'altra notte alla locanda del "chocobo impennato" mi successe una cosa così incredibile che decisi di iniziare a scrivere questo diario per raccogliere le avventure che mi succederanno; chi può dirlo che vi saranno avventure? nessuno ma il mio fiuto nanico per il pericolo mi dice che ci sarà da divertrsi.

Ero seduto al bancone della locanda nel punto più vicino al fuoco cercando di fare asciugare il mantello di lana, fuori dalla finestra l'acqua scrosciava per le strade e i balordi della città si erano rintanati tutti all'interno delle taverne a bere e a cantare. Non era una giornata particolarmente buona perchè la caccia era andata a vuoto e le ossa mi facevano male come quando sta per capitare qualcosa di straordinario e la cosa mi lasciava abbastanza ... innervosito. Mentre sorseggiavo una bella pinta di birra dorata venni toccato sulla spalla destra e ,chiamalo istinto di autoconservazione o come diamine vuoi, mollai un destro dritto in faccia a quell'uomo che mi stava alle spalle se non fosse che dell'aspetto tipico degli abitanti di valinor non aveva nulla. -"un nano qua? cosa diamine vuoi da me? perchè mi cerchi?"- il nano si alzò e mostrando una lettera che portava lo stemma della gilda del vecchio tazhark -"sono stato mandato qua da tazhak il cacciatore di tesori per consegnarti questa."- mi porse la lettera ma prima che la prendessi saltai in piedi sullo sgabello e con grande treatalità, come sono solito fare da ubriaco e dissi: -"mi presento a voi messo nanico di hammerlost e vi pongo le mie scuse per l'occhio nero, mi chiamo Adohand Wyrmsbane, figlio di mastro artigiano Harband Wyrmsbane miglior fabbro di tutto il sottosuolo, membro di spicco della casata cadetta dei Wyrmsbane di KurRadas, scavatori e guerieri della migliore stoffa che spesso guidarono la città in opere portentose; mi si potrebbe considerare un nobile o qualcosa di affine ma il mio stile di vita al momento è tutt'altro che di alto rango (risata fragorosa). Passo le mie giornate tranquillamente spendendo il frutto della mia caccia e delle mie escavazioni in prostitute e birra qui nelle locande ai sobborghi di Valinor, non sono di certo una signorinella che non si sporca le mani lavorando, disonorerei i miei avi e mio padre se stessi con le mani in mano vivendo di rendita; lavoro di giorno e di notte vado in rissa con qualche ubriacone che osa prendermi in giro giusto per cambiare routine (risata fragorosa). non ho uno stile di vita molto nanico diciamo, anche se il temperamento burbero e rabbioso purtroppo mi rimarrà fino alla morte, gli antichi costumi e le usanze naniche le abbandonai in giovinezza dopo che me ne andai da casa per la mia sete di avventure e non vidi più ne nani ne aihmè nane fino ad ora; imparai a vivere con gli uomini ed a farmi spazio in questo mondo gigantesco seguendo i preziosi precetti di Tazhak, uomo dalle straordinarie capacità che fu mio precettore e mentore, ancora oggi mi ricordo quel vecchio nano straordinario e le legnate che mi dava sul capo (risata fragorosa)."- presi la lettera di tazhak e invitai il messo a casa mia per la notte, nonostante io sia un nano l'ospitalità e il rispetto dell'ospite sono sempre state per me virtù molto importanti, la lessi con molta attenzione e ci misi circa 1 ora perchè non mi ricordo più nulla della scrittura in rune dei nani. Con le parole di tarzhak che mi turbinavano nella testa mi tornarono in mente le meravigliose avventure che compimmo in giovinezza insieme agli altri allievi, esperienze bellissime che hanno lasciato in me segni che vanno in profondità come città naniche, mi ricordo ancora come iniziò il mio terrore dell'altezza e dei pipistrelli, paure poco comode quando scavi in grotte sotterranee: un giorno, durante l'esplorazione di un enorme faglia nel terreno in cui erano caduti dei preziosi carichi di alcuni mercanti dei deserti del sud, tarzhak ci disse di stare abbassati poichè in quelle fenditure del terreno vivevano pipistrelli dalle dimensioni esorbitanti che venivano attirati dal più piccolo rumore, ai tempi ero giovane e poco sveglio ed ebbi la brillante idea di dare dello stolto al mio maestro poichè l'aria era calma e non c'era segno di anima viva e iniziai a camminare mentre tutti strisciavano, tempo un paio di secondi e mi ritrovai appeso per i piedi alle grinfie di un enorme pipistrello e solo l'arco veloce del mio precettore mi salvò da una morte certa