FANDOM


Prima parte

Primo giorno

Diario1

Io, nella mia casa al villaggio (un altro mondo, un altro posto) prima di partire

Mi sveglio. Le palpebre sono pesanti. Ieri ho camminato molto.
E’ solo questo che ricordo, adesso. Il sonno mi rimane appiccicato addosso, e mi aspetto di trovarmi nel mio letto, al sicuro, nel mio villaggio. Ma la mano che porto al viso è sporca di terra.
Ho dormito all’aperto, questa notte, riparandomi in un buco. Non possiedo nulla. Tutto mi torna in mente, adesso.
Sono andata via.

La mia storia è come tutte le storie. Nasciamo fra le braccia calde di qualcuno, veniamo cullati e nutriti, la nostra casa ci sembra sempre esistita ed eterna. Passano gli anni, ed un piccolo villaggio come mille altri inizia a sembrare una prigione. Allora scivoliamo fra le sbarre.
La libertà ha il sapore della fame. Le scorte che avevo portato con me sono finite in fretta, dovrò darmi da fare. Al pensiero mi sento eccitata. Posso fare qualsiasi cosa. Il mondo è a mia disposizione.

Secondo giorno

Qualcuno, fra noi, è destinato alle avventure.
L’ho sempre pensato, ed ho sempre pensato di essere una di loro. La vita nel villaggio non mi bastava, così sono fuggita. Ieri, prima di dormire, iniziavo a domandarmi se fosse la scelta giusta. Sarei morta. Avrei patito la fame, trascinandomi inutilmente fra alberi e laghi.
Diario2

Il mio povero villaggio


Invece, poi è arrivato qualcosa.
Prima di tutto, ho trovato compagnia. Essere sola non mi dispiaceva, ma mi rendeva malinconica. Adesso c’è qualcuno con me, e ieri sera quel qualcuno è stato fondamentale. Ho un compagno di avventure.
Quando ormai ci arrendevamo alla noia e alla fame, un uomo è giunto a regalarci un libro. Io ero diffidente, pensavo ad uno scherzo. In molti si prenderebbero gioco di due poveri viandanti.
Sul libro c’era un enigma, che ci avrebbe portati ad un tesoro. Non so perché l’uomo abbia voluto regalarcelo. Ha detto di averne sparse in giro più copie, e che il tesoro sarebbe appartenuto al primo coraggioso avventuriero capace di decifrarne il messaggio.
Se non fosse stato per il mio compagno, avrei lasciato perdere. Ero convinta che il luogo da trovare sarebbe stato pieno solo di trappole. Ma lui ha insistito, e quindi sono riuscita a decifrare il messaggio. Siamo partiti.
E’ stato il mio primo vero viaggio.
Sono esausta, adesso. Seduta sulla roccia del mio nascondiglio, con accanto Kyuu che dorme, mi sento troppo agitata per dormire.
Alla fine, abbiamo trovato il tesoro.

Seconda parte

Terzo giorno

Ho sempre avuto tutto, quindi non ho mai tenuto a nulla.
Quando il tuo stomaco è pieno e può riempirsi senza sforzo, quando hai un tetto sulla testa, vestiti, armature e spade che ti vengono regalati appena chiedi, niente ti sembra prezioso. Diamanti? E cosa dovrei farmene? Nel mio villaggio non c’erano pericoli. Mi bastava una spada di ferro, più per precauzione che per altro. Tutto era mio. Nessuno mi avrebbe privata di qualcosa.
Adesso è diverso.
Il tesoro è difficile da gestire. La vita da vagabonda non mi è sembrata molto divertente, ma era ciò che volevo. Era ciò che voleva anche il mio compagno, e ritrovarci con qualcosa di prezioso ci ha portati a discutere.
Dove andiamo? Come facciamo a proteggerlo?
Abbiamo scavato, ma non c’è più una casa di legno in cui nessuno aprirebbe mai un baule che non gli appartiene. C’è un mondo sconosciuto, pieno di viandanti affamati. Prenderebbero tutto.
Il tesoro mi rende nervosa.
Viaggeremo in cerca di un luogo sicuro, proveremo a trovare una casa in cui nessuno potrà entrare senza essere invitato. Volevo essere libera, ma le ricchezze sono catene. Ho già bisogno di un nuovo posto che abbia delle sbarre forti. Ci saranno decisioni da prendere.

Quarto giorno

Cosa ne sarà delle mie avventure, se non le fermo sulla carta? Non mi aspettavo di iniziare a viverne così presto, non ero preparata.
La caverna del tesoro è un luogo incredibile. Abbiamo potuto riposare, mangiare fino a sentirci male, fare amicizia con le galline. Ci siamo tornati per spostare i nostri nuovi averi verso nuovi nascondigli. Il viaggio è stancante, ma ne vale la pena. Ho paura che qualcuno ci trovi. Chissà, qualche altro avventuriero potrebbe scoprire dove siamo grazie ai libri del benefattore.
Ho paura a scrivere quello che abbiamo trovato. Qualcuno potrebbe ritrovare il mio diario e approfittarsene. Sono ricca, e ho paura di perdere tutto.
Penso che venderemo qualcosa.
Risalgo, il sole sorge. Lo osservo, e mi sento confusa.
Mi merito queste ricchezze? Saprò farne buon uso? Era questo che volevo...?

Quinto giorno

Oggi siamo andati a Parvi, un luogo accogliente e... pieno di uova. Ero di buonumore mentre camminavamo svelti per arrivare prima di notte. Le strutture alte, piene di colori di quel posto mi hanno sorpresa. Quanto sembra piccolo il mio villaggio, ora! Eppure la mia comunità si era impegnata tanto per costruirlo. Chissà quanto impegno, quanta fatica nel creare qualcosa del genere.
E quanta gente! Le persone che transitano per Parvi sono state tutte amichevoli. Ho ricevuto una quantità imbarazzante di biscotti, polli cotti, e anche ferro, soldi... Ho tentato di spiegare che avevo già abbastanza, ma nessuno ha voluto sentire ragioni.
A Parvi abbiamo ritrovato il benefattore. I dubbi che avevo sul tesoro si sono dissipati, anche se non del tutto. Chissà, magari un giorno tornerò nel mio rifugio e lo troverò vuoto.
Diario3

Il rifugio, com'era

Ho cercato di abbellirlo, allora. L’ho riempito di cartelli, ho diviso i miei beni in casse, ognuna con un suo contenuto specifico. Ho passato tutta la sera a sistemare, appendere quadri e montare scaffali. Le mie librerie saranno mai piene? Qualcuno verrà a svuotarle? No, ovvio... Non sarebbero le librerie ad essere svuotate...

Sesto/Settimo giorno

Quando passi ore a vagare da un luogo all'altro, a volte ti ritrovi a fissare la luna dal tuo rifugio improvvisato. Sperando che vada via in fretta, sperando che nessuno ti prenda.
Oggi è stato il giorno della visita ad Ikram. A dire il vero non era previsto. Riflettevo ancora sul modo in cui voglio vivere, e non ero più così vogliosa di essere una cittadina. Poi mi è stato chiesto di dare una mano con i lavori di costruzione.
Il viaggio è stato abbastanza lungo, ma non troppo pericoloso. Mi alleno, combatto, ma quando tutto diventa buio mi nascondo ancora in un buco. Le dita strette intorno alla spada, mi guardo alle spalle nella caverna che ho tappato per passare la notte. I Creeper non mi sorprenderanno. Per fortuna adesso abbiamo tanto ferro, e nelle nostre armature possiamo fermarci a ridere, a mangiare un biscotto quando il sole sorge.
Ho osservato il mio riflesso in un laghetto. Tutto quel ferro addosso... Vivere all’aperto, sempre in giro, vuol dire dover imparare a proteggersi.
La gente del villaggio non mi riconoscerebbe più.

Ikram mi ha colpita.
Sono stata scortata attraverso file di cactus minacciosi. Tutto era giallo, di sabbia. E’ la prima città così grande che vedo in vita mia, e non è neppure terminata. Mi sono fermata a bocca aperta davanti al mercato, ho immaginato di poter godere ogni giorno di quelle strutture. Non più una casa e un campo, ma un’intera città. E... la biblioteca! Poterla riempire e leggere ogni cosa che contiene! Ma quello che più mi ha colpito è stata la descrizione sul funzionamento del posto. Niente tasse, ognuno contribuisce. Com’era per me un tempo, ma in un posto così enorme. Non me ne intendo di economia, non so se affidarsi al buon cuore dei cittadini possa portare a dei risultati, ma è di certo un’idea tenera, giusta. Lavorare insieme per costruire qualcosa e mantenerlo. Avere campi a disposizione senza dover pagare per forza. Sostenersi a vicenda.
Ikram mi piace.
Anche Kyuu ha spalato e preso la pietra a picconate per ore. Alla fine, abbiamo avuto il nostro primo compenso per un lavoro. Quei soldi sono miei. Non ne avevo bisogno, e prendendoli mi sono chiesta perché avessi partecipato comunque. Ma avevo dato una mano, e mi ero guadagnata qualcosa. E’ una bella sensazione.

Eravamo stanchi, ma ci siamo subito messi di nuovo in marcia.

Ottavo giorno

Che giornata piena di eventi!
Mentre Kyuu continuava ad occuparsi della ristrutturazione del rifugio, sono andata a Krato. Avevo sentito dire che lì si potesse vendere qualcosa, e iniziavo a pensare a come gestire i miei beni.
Krato mi è sembrata confusionaria, anche se arrivarci è stato facile grazie allo zeppelin. Non ho trovato nessun negozio che comprasse, e quindi sono tornata indietro. Probabilmente è colpa mia. Non ho mai avuto un grande senso dell’orientamento.
A Parvi, al ritorno, ho però conosciuto un gruppo di eremiti come me. Erano giovani, probabilmente per la prima volta liberi nel mondo. Si stavano organizzando per vivere insieme, parlando della carenza di cibo, della difficoltà di creare un rifugio sicuro. Non ho potuto fare a meno di avvicinarmi.
Mi sono sentita un po’ in colpa, a dire il vero. Significa che non ho lo spirito dei guerrieri, dei conquistatori. Preferisco condividere, vedere il sorriso che un pezzo di pane può generare sulla faccia di un eremita. Qualcuno fra loro stava per morire di fame.
Ho dato tutto ciò che avevo con me in quel momento. Niente di prezioso (non lo porterei in un viaggio), ma molto cibo, legna, attrezzi. Così, mi hanno chiesto di andare con loro al rifugio che avevano creato.
Sono stati incauti, forse. Io, una sconosciuta, avrei potuto usare la loro gentilezza per tornare dopo e derubarli di tutto. Eppure è stato divertente fare strada con il gruppo, parlare un po’ delle loro esperienze, vederli mangiare e riprendere le forze.
La loro casa è ancora semplice, scavata nella roccia. Troppo esposta, troppo evidente. Ho provato a dirlo, ma forse è meglio che imparino da soli.
Beh, in fondo io avevo scavato appena sotto la terra. Il mio primo rifugio, pur non essendo proprio in superficie, era altrettanto vulnerabile. Chi sono io per ritenermi più esperta?
Tornerò da loro, magari senza farmi vedere. Riempirò le casse di qualcosa di bello. Già sorrido, pensando che ne saranno felici.

Nono/Decimo giorno

Riflettiamo.
Avremmo dovuto visitare Schuttgard oggi, ma non ci siamo riusciti. Abbiamo affrontato un altro lungo viaggio, abbiamo ancora rischiato tanto. Ma i Creeper e gli scheletri non sono niente in confronto a ciò che ci aspettava fuori dalle mura.
Siamo stati attaccati!
Non so chi fosse, e non so perché se la sia presa con noi. So che il mondo è pieno di guerrieri che uccidono e derubano i viandanti, e in fondo non voglio giudicare il loro modo di vivere. Dovrei? Anche loro hanno bisogno di cibo e beni, e li prendono come possono, come sanno fare. A me hanno insegnato le arti, la storia, la filosofia. A loro hanno insegnato ad usare spada ed arco, e lo sanno fare bene.
Com’è andata? Siamo giunti fuori dalle mura, ma ci abbiamo messo troppo, e non c’era nessuno. Abbiamo gridato fuori dai cancelli, ma niente. Siamo rimasti lì, stanchi e incerti. Stavamo valutando se preparare un rifugio, quando qualcuno ci ha colpiti.
Il guerriero ha preso tutto ciò che avevamo. Non era molto, solo cibo, due semplici spade di poco valore ed i picconi.
Siamo tornati a casa. Il nostro rifugio è sempre più bello, ci accoglie con quell’odore di pietra e acqua che ho imparato a conoscere. E’ casa mia. Mi sono sentita rassicurata nel calore del mio letto.
Ho capito, non sarò mai una guerriera. Non importa. Ho un posto in cui tornare, un compagno di viaggio che ha fasciato i tagli e sorriso e mi ha detto di non preoccuparmi.
Spero che i miei biscotti vadano di traverso a quel guerriero!
Adesso, quindi, riflettiamo. Mentre stavo per addormentarmi, con il corpo che strillava dalla fatica, ho immaginato come sarebbe la mia casa. Ma non lascerei questo luogo abbandonato, ormai. Ha una storia, e voglio che continui. Così, mentre Kyuu ormai dormiva, mi sono alzata in fretta e ho preso uno dei libri ancora bianchi. L’ho riempito, descrivendo la storia di questo rifugio, e l’ho messo su uno scaffale della libreria. Se qualcuno entrerà a rubarci tutto, spero lo legga. Voglio che sappia, che consideri questo posto come merita.
Qualcuno un giorno lo leggerà?

Terza parte

Ventesimo giorno

Oh, molte cose sono successe.
Mi trovo in una casa, adesso. Sono circondata da galline. Le stanze sono ancora vuote, abbiamo tantissimo da fare per renderle accoglienti. E’ l’alba, e presto dovrò mettermi in cammino. Il rifugio è lontano.
Porto con me il meno possibile, perché potrei perderlo. In effetti potrei anche perdere la vita, ma devo affrontare il viaggio per poter avere tutto quel che avevo. Riempio lo zaino, le tasche, con cibo e utensili. Non so se portare l’armatura. E’ pesante, mi rallenterà.
Le galline zompettano in giro, salgono sui bauli.
Mi sono seduta a scrivere per raccontare dei giorni in cui non ho potuto farlo. Adesso sono pronta per andare, un po’ preoccupata, ma decisa. Ho già provato due volte, e ho fallito. Stavolta sarà quella buona.

Abbiamo vissuto nel rifugio in modo sereno, a volte monotono. Avevamo tutto, ci facevamo compagnia e potevamo passare tempo a scavare, a prendere in giro i Golem. Abbiamo mangiato ogni giorno pasti completi, ed ho imparato a cucinare le torte di zucca. Buonissime! Che meraviglia avere di nuovo una dispensa piena!
Ho lavorato per migliorare il laboratorio, prendendo materiali che il benefattore aveva conservato. Ho preparato pozioni, incantato armature. Il tempo è passato senza che me ne accorgessi. Così, poi, con la voglia di novità addosso, siamo usciti.
Abbiamo fatto un viaggio, e risposto agli inviti di Havoc e Dandelion. Le visite alle città ci hanno sorpreso positivamente. Tutti sono stati gentili con noi, ci hanno offerto provviste e beni utili. Coperti di regali, ci siamo accampati a riflettere e decidere. Una casa in una città avrebbe rappresentato una sicurezza che non avevamo. Non ci mancava il denaro. Avevamo beni che valevano molto, e potevamo venderli perché erano tanti.
Diario4

Dandelion

A Dandelion l’accoglienza ci ha scaldati. Tutti ci volevano lì, lo chiedevano con foga. Ci siamo lasciati convincere, e ci siamo ritrovati in una casa.
Andandocene, non avevamo pensato che tornare al rifugio per prendere tutto sarebbe stato complicato. Le cose da portare erano troppe, erano necessari tantissimi viaggi, ed era tanto distante. Per poter mangiare, ho fatto schiudere in casa tutte le uova trovate a Parvi. Ho riempito la casa di pulcini, sperando che crescessero in fretta. I cittadini di Dandelion ci hanno regalato una quantità di pesci che mi ha fatto sorridere, e così non abbiamo avuto problemi. Ma presto la legna, il ferro, le armi hanno cominciato a scarseggiare. Bisognava riprendere ciò che era nostro.
Stupidamente, andandocene dal rifugio lo avevamo reso impenetrabile. Pensavamo ovviamente di tornarci, ma al pensiero di farlo abbiamo capito di non sapere come. Non voglio dare altri dettagli, perché non sono ancora sicura che il mio diario non venga rubato e letto. Ma… era difficile.
Due volte sono sgattaiolata fuori dalla mia nuova casa e ho iniziato il viaggio. Due volte sono tornata, esausta e sporca, ferita, delusa. Oggi riprovo. Ho pensato ad un modo, spero di farcela.
Oggi entrerò, o morirò tentando.

Ventunesimo giorno

In viaggio.
Kyuu sarà furioso quando vedrà che sono andata via di nuovo. Voleva venire con me ogni volta, ma non voglio che rischi la vita. Sono stata io ad affrettare le cose, a cambiare idea sul vivere a Dandelion. Lui avrebbe voluto rimanere nel rifugio, ed ora non ha molto, a causa mia. Devo rimediare.
Mangio pesce in riva ad un laghetto. Ormai conosco la strada, cammino sicura. Il sole scende e mi rifugio in una caverna.

Ventiduesimo giorno

I due Golem del rifugio devono essersi sentiti soli. Sono dentro! Sono fiera e felice! La soddisfazione di avercela fatta è enorme, e sono entrata ridendo come una folle. Sono viva! Ho vinto!
Sento di meritarmi tutto ciò che prendo, fino all’ultimo smeraldo. Agguanto tutto ciò che posso, ficco tutto in ogni tasca che ho. Quando sono pronta ad uscire sono pesante, stanca e agitata. Oh, e se mi uccidessero per strada? Se Kyuu non sapesse più nulla di me? Se trovassero il rifugio proprio adesso, usando la via che ho creato per rientrare? Non posso fermarmi a riflettere. Scappo. Uscendo saluto i Golem, che camminano pesanti per il corridoio. Non ho preso tutto, ma tutto il necessario. Il resto, chissà, magari lo prenderà chi saprà trovare questo posto. Ci tornerò ancora, ne sono certa.
Mi metto in cammino.

Ventiquattresimo giorno

Diario5

La nostra casa a Dandelion

Ho portato anche le torte di zucca. Sì, lo so, avrei potuto portare più pozioni… ma cosa me ne faccio delle pozioni, se posso mangiare solo pesce? Soddisfatta, addento la mia fetta morbida mentre Kyuu parla di cosa possiamo fare in casa. Dobbiamo ancora sistemarla, dividere la roba che ora giace nei bauli a caso. Non si capisce nulla.
Inter, un vicino, ci ha aiutati nel mettere tutto da qualche parte. E’ stato gentile, anche se poi è andato a combattere con ancora addosso qualcosa di nostro, e probabilmente l’ha perso. Ma abbiamo tutto, o quasi.
Ora posso sentirmi una cittadina.

Trentesimo giorno

In città succedono molte cose.
Abbiamo iniziato a conoscere la gente che vive qui. Abbiamo lavorato per rendere la nostra casa migliore, e abbiamo fatto ordine nei bauli.
In giro si parla di qualcosa, passa di bocca in bocca, tutti vogliono sapere, tutti hanno qualcosa da dire.
Sembra che la fine della seconda era si stia avvicinando.
Proprio adesso? Osservo i miei bauli ordinati e pieni di cose. Potrebbero assicurarmi una vita tranquilla, non avrei bisogno di scavare per moltissimo tempo, ho tutto ciò che mi serve. Ho una casa, dei vicini, sono sicura e protetta. Ma questo, presto, finirà.
Proprio adesso? Eppure tutti sono impazienti, agitati. Si parla già di cosa farà la gente, di dove andrà, di cosa ne sarà delle città costruite con impegno e fatica. Volpe, il sindaco di Dandelion, ci ha parlato a lungo della storia del mondo e dei suoi equilibri. Tutti aspettano di dover fare delle scelte, sanno che perderanno tutto, sono pronti ad affrontare il cambiamento.
Useremo il tempo che rimane per allenarci, per diventare forti ed essere capaci di sopravvivere quando qualcosa succederà. Siamo in attesa.
Mangio una fetta di torta di zucca seduta al mio tavolo, pensando.

Quarta parte

Quarantesimo giorno

Diario6

La cucina della casa nel rifugio

Non scrivo da troppo. Oggi ho ripreso in mano il mio diario, perché non voglio dimenticare i dettagli di quel che vivo.
Sono nel rifugio.
Uno slime saltella leggero da qualche parte, al piano di sopra. Sì, ora abbiamo anche un piano di sopra. Non so più per quante ore abbiamo scavato, e adesso il rifugio è grande.
Ma andiamo con ordine.
La gente ha paura. Nessuno sa esattamente cosa dovrebbe succedere. Le voci sulla fine della seconda era somigliano ad una leggenda, ad una voce che sussurra profezie inquietanti e fa gelare il sangue, anche se non ne capisci le parole. Non ho idea di ciò che mi aspetta, e pare che nessuno ne sia certo. Da chi è venuta questa leggenda? Cosa ha detto davvero? Non si sa. Ma tutti sanno, tutti, che succederà qualcosa.
I cittadini stanno con le orecchie tese, nervosi e pronti a tutto. In molti sono fuggiti, rintanandosi chissà dove. La città ha iniziato a sembrare deserta. La gente non ha più speranze, è convinta che potrà solo succedere il peggio.
E dove andare, quindi, se non al rifugio?
Il trasloco è stato faticoso, di nuovo. Ci siamo trascinati per giorni avanti e indietro, sapendo ormai come fare per rientrare, e alla fine tutto era di nuovo qui. I Golem ci fissano perplessi. Chissà se si chiedono cosa diamine combiniamo, con tutto questo trambusto.
Sono di nuovo un’eremita. Sono libera, in pericolo, spaventata e curiosa.

Quarantatreesimo giorno

Diario7

La parte centrale del rifugio

Il sole sorge e poi torna giù, la vita scorre. Lavoriamo per abbellire ed ingrandire il rifugio.
Passando da Parvi per fare spese, ho incontrato un uomo gentile. Mi ha regalato un sacco di lana, l’unica cosa che non avevo, e dei picconi. Ho comprato anche del colorante rosso, della pelle e della legna. Adesso ho tutto quel che mi serve.
Allargare il rifugio è complicato, per chi come me non ha mai costruito. Sono soddisfatta di come sta procedendo, ma neanche un Golem in più riesce ad evitare la comparsa di mostri nei corridoi. Siamo circondati da caverne immense e buie. Per fortuna, almeno, sono piene di diamanti.
Stiamo pensando di ospitare qui eremiti sperduti che non sanno dove andare.

Cinquantesimo giorno

Non è passato poi così tanto, da quando sono fuggita dal villaggio. Eppure, mi sembrano passati anni.
Il rifugio brulica di vita. Abbiamo accolto della gente, e il nostro appello ha ricevuto più risposte di quante credessi. Non siamo più soli. La pietra che finora ha visto solo noi e i Golem, adesso viene scavata da mani nuove.
Siamo pronti ad affrontare ciò che verrà.

Cinquantacinquesimo giorno

Sono esausta.
La gente vuole entrare, chiede continuamente del rifugio. Andare a rifornirmi significa sentire voci supplichevoli che mi implorano di fare spazio per chi non ha un posto dove andare. Ho cercato di accogliere tutti, ma siamo già tanti. Un bel gruppo, unito, di persone con spirito d’iniziativa, pronte a procurarsi materiali e a scambiarli con gli altri residenti. Tear, Bean, Artemis e Spiko hanno riempito le nostre giornate, e l’avvento della Terza Era fa meno paura.
Qualcosa che fa paura, però, c’è ancora.
Faitho, l’imperatore di Telamis, ha deciso di trovarci ed ucciderci. In particolare, vuole la mia testa. Non so cosa voglia farsene, perché la voglia così tanto e come mai abbia deciso di darsi alla ricerca di un rifugio eremitico... ma è così. Dovremo stare attenti.
La guerra sembra qualcosa di lontano, comunque. Viviamo tranquilli, non ci manca nulla.

Quinta parte

Sessantesimo giorno

La pietra del rifugio è stata calpestata con nervosismo per giorni, da tutti noi.
Mi ritrovo confusa e incredula riguardo ai nuovi sviluppi. Confusa perché nulla è chiaro. Faitho ha deciso, pare, di giocare con la nostra mente. Sono certa che fra noi ci sia una spia. Mi domando come mai l’accoglienza che ho dato a tutti nello stesso modo possa essere ripagata con il tradimento.
Niente nomi. Mi hanno chiesto se avevo prove, se ero sicura. Di qualcosa lo sono, quindi un membro del rifugio se n’è andato.
Ma Faitho sa ormai dove siamo, ne sono sicura.
Non so come mai non sia già arrivato ad ucciderci, a derubarci. Forse attende. Aspetta una risposta, una reazione. Non so.
Il mio nuovo ruolo da stratega è pesante. Non immaginavo di dover prendere delle decisioni importanti. Pensavo ad una vita serena, in condivisione, senza tradimenti, intrighi, rischi. Invece ora tutto è instabile e potrebbe crollare in ogni momento. Ascolto voci che accusano chiunque, che ricordano litigi passati e vogliono consigliarmi, la fiducia in ogni amico vacilla.
Bisogna fare qualcosa.

In tanti sono accorsi ad aiutarci, e anche questo mi ha stupita. Abili guerrieri hanno scavato la roccia per darci una mano, ci hanno portato beni senza chiedere niente in cambio. Abbiamo passato del tempo insieme, ed è stato bello. Uno di loro ha proposto di allenarci, per renderci pronti al possibile conflitto. Mi chiedo se sarebbe la cosa migliore, la cosa più giusta. Mi chiedo se Faitho ci ascolterà, se troverà in noi qualche interesse che lo freni dal distruggerci. E intanto osservo la vita del rifugio che va avanti. Volti nuovi, volti conosciuti, parole. Si passano ore a preparare le cose di tutti i giorni. Pane, torte, biscotti. E intanto la guerra è appena alle nostre spalle, e aspetta.
Sarò viva domani?
Non so se gli altri residenti si chiedono la stessa cosa, ma ammiro come tutti hanno preso il pericolo con coraggio, e hanno continuato a sistemare la propria casa senza temere che venga distrutta dopo poco. Come formiche scaviamo, costruiamo, prepariamo tutto.

Sessantunesimo giorno

Diario8

!!!

Non so chi sia stato.
Appena sveglia, stropicciandomi gli occhi, l’ho vista. E’ un segno.
Stamattina, appesa al muro della mia casa, c’era la testa di Borgo.





Sesta parte

Ottantesimo giorno

A volte mi fermo e ricordo.
I visi dei contadini del mio villaggio erano tutti uguali. Se ci penso adesso, mi sembra quasi una cosa inquietante. Ma erano familiari, prevedibili, sempre gli stessi. C’erano poche parole e molti fatti. Nessuna discussione, nessuna offesa, solo cibo e casse piene che nessuno avrebbe mai osato svuotare per dispetto. C’erano sicurezze, c’era il sapere che il giorno dopo ti saresti svegliata sempre nello stesso letto, e le tue cose sarebbero state ancora lì, dove le avevi lasciate.
Oggi mi sono svegliata, ed era scomparso un mio quadro.
Tearmoon ha trovato una sua trappola distrutta.
Artemis continua a lamentare stragi di polli e piccoli furti.
La vita da eremita è difficile. Specialmente quando ti ritrovi sulle spalle responsabilità che non hai cercato, che non hai preteso.
Non è facile capire se il responsabile di questi piccoli problemi sia Faitho, che nell’attesa degli sviluppi si diverte a pizzicarci, o se sono gli stessi membri del rifugio a farsi i dispetti fra loro. La fiducia, ho scoperto, è la cosa più complicata al mondo.
A volte mi fermo, e guardando la mia casa, i corridoi di pietra, i golem, sorrido. Tutto questo mi sta facendo crescere tanto.

Diario9

La stazione

I nostri alleati sono utili ogni giorno. Il Signor One macina chilometri per accorrere in nostra difesa ogni volta che ci sentiamo minacciati. La sua passione per il combattimento è interessante, come la sua gentilezza. La città di Atlantide ci ha fornito qualcosa di fondamentale, che cercavamo da tempo.
I maiali! Le mucche! Finalmente li abbiamo!
Ho partecipato personalmente al loro trasporto, alla costruzione della ferrovia che ce l’ha permesso. Abbiamo scavato insieme, montato binari, con le mani che si spellavano e la luce che non bastava mai. Quel tunnel è in realtà pieno delle nostre risate insieme, delle parole dette da labbra stanche ma soddisfatte. Sono felice di aver trovato dei compagni, degli amici, e non solo degli alleati che facciano qualcosa di concreto.
Abbiamo vissuto insieme anche una tragedia. Bob, il primo maiale ad essere mai entrato nel rifugio, è arrivato con una certa impazienza. Era come se guidasse lui stesso il carrello. Aveva fretta di incontrarci, di aiutarci, di vederci sorridere. L’ho visto arrivare, e poi... Sarà stata l’emozione per un viaggio così lungo e stressante, o magari l’ambiente della stazione che era ancora stretto e soffocante, ma... Bob è morto.
Io e Mad siamo rimasti a guardare in silenzio per un attimo. Dopo la fatica per convincerlo a venire, dopo che Mad aveva sudato e imprecato, offerto carote per farsi seguire... Dopo aver conosciuto un maiale così gentile, così diverso dagli altri...
La stazione era davvero piccola. L’urlo di Mad ha rimbalzato sulle pareti, forse risuona ancora nel tunnel.
Diario10

Gli animali, finalmente

Comunque, dopo Bob ne sono venuti altri. Io, One, Mad e Aprodite abbiamo spinto, invogliato con carote e grano, e trascinato gli animali su scale, per corridoi, salvandoli mille volte da apparentemente inevitabili suicidi. La fatica è stata enorme, ma ci siamo riusciti. Da sola non ce l’avrei mai fatta.

Guardo le staccionate adesso, sento i loro versi allegri, e mi faccio coraggio.
Nonostante i problemi, qualcosa di bello succede ogni giorno. E chissà, forse Bob veglia su di noi, dall’alto del luogo in cui adesso si trova.

Novantesimo giorno

Succedono sempre, sempre molte cose. Da dove iniziare a raccontarle, caro diario?
Ho i bauli del tutto pieni. Non so più dove posare la roba. Uno strano senso di colpa scivola sotto la pelle, mi fa rabbrividire.
Abbiamo svaligiato un rifugio eremitico, trovato per caso da Bean e poi cercato di nuovo da tutti noi. Era pieno di galline, le abbiamo uccise per mangiarle. Abbiamo preso cibo, legno, carbone... Tutto ciò che c’era, e tanto, tanto ferro che serviva un sacco. Abbiamo affidato a Dia il compito di cercare le casse nascoste. Sapevamo che c’erano. Ci sono sempre. E lui le ha trovate. Niente diamanti, ma ferro, e oro.
Che fine hanno fatto quegli eremiti? Sono... morti? Abbiamo rubato a fratelli morti nel tentativo di sopravvivere? Qualcuno li ha uccisi? ...Chi?
E ancora. Abbiamo un nuovo ingresso, del quale sono davvero felice. Mi sembra di aver visto che Nihon scriva, come me. Spero che le nostre avventure non rimangano solo su queste pagine, ma che vengano conosciute. Spero che tanto inchiostro venga versato, a nostro nome, per raccontarci.
E la cosa più importante!
Diario11

Il grande scontro

Lo scontro è finalmente avvenuto. Ho osservato dagli spalti. Kyuu combatteva per la prima volta, e Faitho ha deciso di scendere in campo di persona. La sconfitta di Kyuu è stata dura da digerire, per lui e per tutti, ma si è davvero impegnato ed il loro scontro era un inizio, il primo momento di una battaglia che è andata avanti con One, il nostro campione.
Ho osservato One allenarsi, l’ho osservato in arena. Ammiro la bravuta nel combattimento. Da un lato vorrei poterla avere, non essere così lenta e novellina. Ho provato ad allenarmi anch’io, ad ascoltare i suoi consigli pazienti, a fare pozioni e sistemarle in modo da poterle prendere in fretta... Ma qualcosa ho capito da tutto ciò: non sono davvero una guerriera. La mano si stanca, le braccia invocano pietà. E’ deludente, forse... ma c’è altro da fare, tanto altro.
One, in ogni caso, ha vinto.
La mia testa è di nuovo nel rifugio, al sicuro, vicino a quella di Borgo.
Sono ancora preoccupata, però. I nostri rapporti con Telamis sono incerti. Il pomeriggio prima dello scontro, due guerrieri sono entrati nel rifugio e hanno iniziato ad alzare le spade contro di noi. Ero sorpresa. Faitho aveva acconsentito ad uno scontro leale, e mi ero impegnata per ottenerlo e per garantirci almeno la tranquillità di non essere derubati e uccisi tutti nell’attesa. Ma, si sa, i guerrieri sono spesso impulsivi. I due giovani avevano saputo dove eravamo, e avranno deciso di correre qui a far paura a dei poveri eremiti alle prese con la preparazione delle armature.
Ho apprezzato molto l’intervento immediato di Faitho. Ha ordinato ai guerrieri di fermarsi e rientrare. Uno di loro, per scusarsi e mostrare che non si ripeteranno attacchi, ci ha anche regalato un’armatura intera di valore elevatissimo.
Ci saranno altri scontri, comunque. Corro da tutte le parti organizzando, perché la voglia di combattere venga incanalata in vie ufficiali, organizzate, e non frettolose ed impulsive. Il rifugio deve continuare ad essere un luogo sicuro.

Novantunesimo giorno

Quanto ho da fare!
Continuo a correre in laboratorio. Sto imparando l’arte dell’alchimia. A volte è difficile, faccio errori, rimango delusa dal risultato. Ma mi piace. Ho un baule pieno di libri incantati, pronti ad essere usati su armi e protezioni. Forse non posso essere una guerriera, ma... posso essere utile.

Centesimo giorno

Sono troppo amareggiata, troppo delusa per scrivere, ma voglio fermare su carta ancora una volta tutto ciò che ci succede.
I nostri alleati si sono allontanati all’improvviso, lasciandoci alla mercè di Faitho. Siamo stati attaccati da Bolladin, maresciallo di Aeglir, e il gentile signor One non ha potuto far niente perché non può attaccare un suo superiore. Gli altri nuumenyani se ne sono andati, allontanandosi sollevando le mani, e ancora non mi è chiaro il motivo. Siamo improvvisamente sgraditi, e la delusione è forte.
Ho chiesto quale fosse il motivo di tutto ciò, mentre Bolladin sguaiava la spada contro di me. Ha parlato di onore, ma non so che onore ci possa essere nel minacciare un gruppo di eremiti vestiti di pelle. Hanno uno strano concetto di onore, ad Aeglir. E sono rimasta, disarmata, a chiedere mentre frugavano nelle casse. Non hanno rubato niente, e mi domando allora quale fosse il loro scopo. Mostrarci la loro forza? Non sanno, forse, che sfoggiare forza di fronte a chi non ha mezzi per difendersi è solo ridicolo.
Hanno parlato di Zardonio. Pare che l’imperatore Tione lo odi, e sia convinto che per questo dovremmo odiarlo anche noi, altrimenti meritiamo solo la morte. Gli imperatori sono davvero strani.
E questo dopo che Faitho in persona ha richiamato i suoi soldati dal nostro rifugio, per rispettare gli accordi, per combattere davvero con onore, ad armi pari.
Abbiamo evidentemente sbagliato lato.
Per me, anche se non sono una combattente, l’onore è davvero importante.

Centunesimo giorno

Bolladin è tornato con un altro soldato, per rifare le stesse cose. Posso solo riderne. Penso alla strada che devono farsi ogni volta, a quanto impegno stanno impiegando nel minacciarci. Quanto siamo importanti! Posso solo esserne fiera. Che vengano, che tornino. E’ come un complimento ogni volta.