FANDOM


La vita

Si dice che rimanere eremiti per sempre sia impossibile. Vorrebbe dire sopportare continui furti, invasioni e attacchi. Per quanto un rifugio possa essere sicuro e nascosto, qualcuno prima o poi lo troverà. Dia è riuscito invece a vivere tranquillo nel suo nascondiglio, per moltissimo tempo. Si dice che la sua stirpe risalga alla Prima Era, e che la sua sopravvivenza sia sempre stata legata all'inganno.

Dia2

Dia partecipa alle attività del rifugio

Dia viveva da solo. L'unica sua compagnia erano i Golem che passeggiavano nel suo rifugio. L'aveva scavato nella roccia, prendendo solo lo spazio necessario. Con il tempo, lo aveva fornito di ogni cosa. Possedeva preziosi, campi, galline, e le sue casse erano piene. Per riempirle si occupava di scovare altri eremiti e derubarli, o vendere ai cacciatori le loro coordinate. Spesso organizzava delle vere e proprie truffe, in cui era un maestro. Insomma, viveva grazie alla sua astuzia. Ancora oggi, in molti fremono di rabbia nel sentire pronunciare il suo nome.

Gli anni passarono, e Dia iniziò ad annoiarsi. Le pareti del rifugio sembravano troppo strette, l'atmosfera era soffocante. Aveva bisogno di una svolta, di un cambiamento.

Fu allora che decise di abbandonare il rifugio, per donarlo a chi si fosse dimostrato furbo e sveglio quanto lui. Scrisse cinque libri, tutti con lo stesso enigma da risolvere. Era necessario decifrare un codice per trovare delle coordinate. Nel luogo indicato, il vincitore avrebbe trovato l'unico libro con le indicazioni vere per raggiungere il rifugio.

Dia, nonostante la sua furbizia, non poteva immaginare cosa sarebbe successo. Diede il libro anche a Kyuu, un giovane eremita alle prime armi, che lo portò alla sua compagna. I due riuscirono a decifrare il codice in pochi minuti, e si misero immediatamente in viaggio. Mentre altri avventurieri fissavano le pagine in codice perplessi, i due eremiti erano già arrivati al tesoro. 

Pur avendo deciso di abbandonarlo, Dia tornò spesso al rifugio per vedere come i due se la stessero cavando. Quando scoprì che avevano deciso di accogliere altri eremiti, era un po' perplesso. Sapeva che ci sarebbero state complicazioni. Aveva sempre vissuto da solo proprio perché era consapevole di quanto gli eremiti possano crearsi problemi l'un l'altro. Ma rimase. Ad ogni sua visita portava regali, ed osservava gli eremiti crescere, unirsi, costruire. Il suo rifugio non era più quello di un tempo. Era enorme, vivo. Forse, vedendolo, Dia si sentì felice.

Le truffe

Dia

Una rara immagine di Dia nel calderone.

Non esiste una lista completa delle truffe ingegnose compiute da Dia. Si sa per certo che riuscì a truffare cittadini di Hammerlost, e moltissimi eremiti. 

Quando il rifugio iniziò a crescere, diede il via alla vendita di coordinate false. Riuscì a venderle persino a chi aveva già modi di procurarsi quelle vere senza pagare nulla. Versioni false dei suoi libri iniziarono a circolare per tutto il mondo, confondendo chi ancora cercava di decodificare il testo originale. 

L'unica truffa non riuscita rimase quella ai danni di Faitho, che aveva già infiltrato una spia al rifugio e quindi non si fidò. Fra l'altro, gira voce che l'imperatore Faitho abbia rubato il libro originale, e che sia l'unico al mondo a possederlo.